Come si fa a vendere su Amazon, cosa puoi vendere, le 5 ragioni per iniziare e come pianificare il tuo business.

Come si fa a vendere su Amazon? Questa è una delle domande che va per la maggiore e se sei qui a leggere te la sarai posta anche tu.

Per questo ho deciso di scrivere un post sul tema e parlarvi in modo più esaustivo di come iniziare a vendere su Amazon.

Il fine di questo post, bada bene, non è quello di “insegnarti” a come aprire un account venditore su Amazon!

Quello può farlo da solo (anche mio nipote di 10 anni ci riuscirebbe!) cliccando sul pulsante “Registrati Ora” che vedi nell’immagine sotto e che troverai a questo link.

come si fa a vendere su amazon

Pulsante di registazione per iniziare a vendere su Amazon come venditore professionista.

Nel prosieguo dell’articolo troverai, invece, indicazioni di carattere pratico su come si fa a vendere su Amazon e su quello che è bene tu sappia prima di iniziare.

Cos’è Amazon marketplace

Prima di passare a spiegarvi a come si fa a vendere su Amazon è d’obbligo una breve introduzione su cos’è Amazon marketplace.

Amazon marketplace non è niente altro che il “mercato” che Amazon mette a disposizione a distributori e venditori, in cambio del pagamento di una fee/commissione, per vendere i loro prodotti agli utenti Amazon.

Su Amazon marketplace i venditori -o sellers, come li chiama Amazon- sono divisi in due categorie:

  1. Privati: possono vendere meno di 35 oggetti per mese. Pagano una fee su ciascuna vendita.
  2. Professionali: profilo raccomandato per grossi volumi di vendita. E’ previsto un canone mensile fisso (39,00 euro IVA escl.), più le normali commissioni di vendita in relazione alla categoria di appartenenza del prodotto.

A questo link tutte le info e fees applicate per categoria merceologica.

Vetrina internazionale e strumento di marketing

Siamo nel 2019 e se pensate di vendere online con il vostro ecommerce senza fare i conti con Amazon vi sbagliate. E di grosso anche.

Amazon in Europa opera – o vende, se preferite- con e in: Amazon.de (Germania), Amazon.fr (Francia), Amazon.es (Spagna), Amazon.it (Italia) e Amazon.co.uk (Regno Unito).

Non ci sono dati precisi o certificati, ma sappiate che Amazon nei vari Paesi nei quali opera detiene buona parte della quota di mercato per varie categorie merceologiche. Per cui, pensateci bene se state valutando di avviare un ecommerce in proprio.

Potresti anche leggere: 5 Consigli per vendere online: cosa, dove, come e strategia da usare

Cominciare a vendere su Amazon può, se ben fatto, rilevarsi un’ottima strategia di mercato per testare le vendite in diversi mercati europei con un budget ridotto e pensare poi, in un secondo momento, ad avviare il proprio ecommerce.

Inoltre, vendere su Amazon, può essere un’ottima strategia di marketing da usare per far conoscere il vostro brand -specie si tratta di una startup appena avviata- con investimenti più bassi rispetto ad altri canali di marketing.

5 ragioni per vendere su Amazon

Ecco le ragioni che dovreste considerare sul perchè iniziare a vendere su Amazon.

Esposizione: Amazon ha circa 135 milioni di clienti nel Mondo, più della metà della popolazione italiana. I clienti di Amazon crescono di giorno in giorno e in media (fonte Nielsen) il 47% degli utenti quando cerca un prodotto su internet (attraverso una ricerca fatta su Google) finisce su Amazon. Tradotto: il vostro prodotto ha più possibilità di essere visto e comprato su Amazon che sul vostro eCommerce. Esempio pratico: provate a digitare su Google il nome del vostro prodotto e cliccate sui primi risultati. Qual è la pagina sui quali siete arrivati?

Semplicità: vendere su Amazon è relativamente semplice che tu lo faccia come privato o professionista. In media inserire un prodotto su Amazon richiede dai 10 ai 15 minuti e non richiede nessuna abilità tecnica. Fare lo stesso su un proprio sito ecommerce richiede più tempo e più competenze, non solo tecniche, ma anche lato SEO. Inoltre, un ecommerce proprio ha costi gestionali maggiori.

Efficienza di costi: su Amazon è possibile mettere in vendita (in gergo listare) più prodotti senza che vi venga addebitato nessuna commissione, se non fino a quando verranno effettivamente venduti. In questo modo potranno essere testate più strategie di vendita prima di puntare su un determinato prodotto/i o categorie merceologiche.

Fiducia: avete mai acquistato su Amazon? Perché l’avete fatto? Ecco avete già trovato la risposta. Di Amazon i clienti si fidano e preferiscono, a parità di prodotto, pagare anche di più acquistandolo su Amazon che su altri siti, magari meno conosciuti e che ispirano meno fiducia.

Potete farlo da casa: grazie alla logistica Amazon, potrete gestire il vostro business direttamente da casa senza preoccuparvi di logistica, magazzinaggio, spedizioni, gestione resi e tante tante altre attività che rendono un ecommerce tradizionale più costoso in termini di costi fissi.

Cosa si può vendere su Amazon 

Su Amazon possono essere venduti migliaia di prodotti appartenenti alle seguenti categorie*:

  • Fabbricazione additiva
  • Accessori per dispositivi Amazon
  • Birra, vino e alcolici
  • Libri, musica, video, DVD
  • Commercio, Industria e Scienza
  • Auto e moto
  • Informatica
  • Accessori Informatica
  • Elettronica
  • Attrezzatura per bicicletta
  • Fai da te e attrezzi
  • Materiali didattici
  • Accessori Elettronica
  • Controllo flusso e filtrazione
  • Trasferimento di fluidi
  • Attrezzature e forniture per servizi di ristorazione
  • Alimentari
  • Impianti elettrici
  • Strumenti e attrezzatura industriale
  • Gioielli
  • Grandi elettrodomestici (eccetto Accessori, Microonde e Cappe per cucina)
  • Prodotti per il trasporto di materiali
  • Lavorazione dei metalli
  • Strumenti musicali e DJ
  • Software
  • Sport e Tempo libero
  • Pneumatici
  • Videogiochi
  • Console Videogiochi
  • Orologi

Altre informazioni a questo link

* la lista di cui sopra vale per l’Italia

Cosa non si può vendere su Amazon

Per i prodotti appartenenti a una delle categorie sotto, ne è invece vietata la vendita:

  • Droghe, armi da fuoco e munizioni.
  • Medicine che necessitano di prescrizione
  • Tabacco
  • Scarpe o vestiti usati
  • Biglietti della lotteria

Come si fa a vendere su Amazon: la pianificazione di business

Chi mi conosce o segue il mio blog, sa che mi piace fare le cose semplici, anche quando non lo sono.

Bene, una cosa è mettere in vendita un prodotto su Amazon per hobby, una cosa è vendere qualche prodotto su Amazon per generare un piccolo reddito aggiuntivo, un’altra ancora, farlo per volumi che genereranno fatturati di decine (o centinaia) di migliaia di euro mensili.

In questo ultimo caso l’improvvisazione non basta e quelli che vi raccontano che basta poco per guadagnare migliaia di euro al mese su Amazon, sono solo dei ciarlatani che si approfittano della vostra ignoranza in materia.

Nelle principali categorie merceologiche sono presenti decine, se non centinaia di venditori, quindi vendere dipenderà solo da voi e dal vostro lavoro ben pianificato prima e ben implementato poi.

In un mio post di qualche tempo vi ho già parlato di cosa vendere su Amazon e in particolare di come trovare i prodotti che vendono di più e sui quali investire.

Ma allora come si fa a vendere su Amazon? Intanto cominicate con un attenta pianificazione di business.

Ecco alcuni suggerimenti per lavorare alla pianificazione di business per vendere su Amazon:

  1. Scegliete i prodotti che si vogliono mettere in vendita. Vi ho già spiegato come farlo nel link che trovate qualche riga più in sù. Date un’occhiata a questi 1000 prodotti che dalle statistiche di JungleScout attualmente stanno vendendo di più.
  2. Fissate un budget per acquistare dal vostro fornitore o produttore i prodotti che volete mettere in vendita. Se pensate di vendere su Amazon prodotti che non possedete, lasciate stare. Tanti prodotti sono super-richiesti su Amazon, ma se volete mettere in vendita una Ferrari, senza avere il denaro sufficiente per acquistarla dal vostro fornitore… beh, ci siamo capiti!
  3. Fate un’analisi di mercato, in particolare: prezzo medio di vendita dei prodotti che volete offrire, volumi di vendita, numero di venditori che trattano lo stesso prodotto/i.
  4. Costruitevi il pricing dei vostri prodotti. Il pricing, vale a dire il prezzo al quale metterete in vendita il prodotto su Amazon, è uguale a: costo di acquisto del prodotto dal vostro fornitore/distributore o costo di produzione + tasse + commissioni di vendita + costi gestionali (esempio affitto dei vostri locali, imballaggio, etc) + tutti gli altri costi. A questo importo, aggiungete il margine che volete ottenere. Il pricing ottenuto è più basso o in linea rispetto a quello degli altri venditori già presenti su Amazon? Se si, bene, potete iniziare a vendere. Se no, valutate altri prodotti o alternative.

Le massimizzazione dei profitti

La massimizzazione dei vostri profitti potrà poi essere raggiunta sfruttando due leve principali: quella del prezzo o quella del volume.

Spiegarvi in un post, dedicato a come si fa a vendere su Amazon, come impostare una strategia di prezzo sarebbe riduttivo.

Oltre a prezzo e volumi, c’è poi una terza compenente che fa riferimento all’identikit del venditore di successo (che guadagna milioni di euro!) che ho tracciato qui: Diventare venditore Amazon di successo. 10 cose che devi sapere se vuoi esserlo anche tu

Se invece, siete già dei venditori Amazon e volete una dritta per guadagnare più soldi allora vi consiglio di leggere questo mio altro post 10 trucchi per vendere di più su Amazon spiegati

Tuttavia, se volete imparare a come sfruttare queste due leve, quella del prezzo e quella del volume, vi consiglio di studiare questo e-book.

Se invece volete una mano per impostare l’intera pianificazione di business su Amazon e la successiva implementazione potrete contattarmi.

Privato o professionista?

Valutate se iniziare a vendere come privato o professionista.

Ricordate cosa vi ho detto sopra e fate le vostre valutazioni del caso.

Per registrare un account su Amazon come venditore professionista è necessario:

  • Una carta di credito.
  • Un numero di telefono.
  • Un conto corrente.
  • Indirizzo email.
  • Partita IVA e altre info societarie quando richieste.

Perchè vendere su Amazon

  • I tuoi prodotti saranno mostrati a migliaia (in alcuni casi milioni) di potenziali clienti.
  • E’ possibile vendere in 5 Paesi europei.
  • Venderai attraverso un Brand, quello di Amazon, affidabile e conosciuto.
  • I tuoi prodotti e soldi che riceverei saranno protetti da eventuali frodi.
  • Non ci sono commissioni per mettere in vendita i prodotti. Le commissioni si applicano solo una volta venduti.
  • Potrai avvalerti dalla logistica Amazon – cosidetta Fulfilment by Amazon – che si occuperà al posto tuo del magazzinaggio, imballaggio e spedizioni ai clienti.

A questo punto è arrivata l’ora di leggere il mio post Come guadagnare soldi con Amazon diventando venditore dove ti spiego: come trovare i prodotti che si vendono di più, come trovarli, dove comprarli e soprattutto come iniziare subito a guadagnare con Amazon.

Valuta anche eBay

Oltre ad Amazon potresti valutare di vendere anche su eBay che per alcune categorie merceologiche e prodotti potrebbe essere più indicato.

Se hai dei dubbi al riguardo e non sai quale tra questi due marketplace potrebbe fare di più al tuo caso, potresti leggere il mio post Amazon o eBay dove è meglio vendere online e perchè che sicuramente di chiarirà meglio le idee.

Conclusioni

In questo articolo ti ho parlato di come si fa a vendere su Amazon illustrandoti in linea generale quello che devi considerare.

In particolare, ti ho parlato di cos’è Amazon marketplace, ti ho fornito 5 ragioni da considerare se stai pensando di vendere online e, cosa fondamentale, ti ho fornito le linea guida su come costruire il tuo business planning.

Sentiti libero di scrivermi nei commenti o contattarmi per una consulenza gratuita da questa pagina o usando il form di contatto sulla tua destra.

Scritto da Stefano, Startup founder | Digital Entrepreneur | Mentor, seguimi su:

Non la solita Newsletter!

Non la solita Newsletter!

1 email al mese sui contenuti più letti + le mie guide che non pubblico sul blog + una sorpresa. Non condividerò mai il tuo indirizzo.

Ci sentiamo presto!

Share This