5 consigli per vendere online bene, con logica e senza strafare.

Consigli per vendere online o cosa si vende di più su internet sono tra gli argomenti sull’e-commerce più dibattutti da anni, nonché tra le domande che più frequentemente mi vengono rivolte.

Dare una risposta non è mai semplice. Tutto dipende da un molteplicità di cose.

L’unica certezza, visto che non tutti vendono online, è perché pochi lo sanno realmente fare. I più, infatti, si scoraggiano alle prime difficoltà.

Quelli che ti elencherò di seguito sono i consigli per vendere online che avrei voluto che qualcuno avesse dato a me, quando anch’io -circa 14 anni fa- cominiciai a farlo.

I miei consigli per vendere online

1. Scegli in quale Paese vuoi vendere su internet

ll bello di internet e dell’ecommerce è che non devi per forza di cose vendere solo in Italia.

Anzi, quando sceglierai di vendere su internet solo in Italia sappi che ti limiterai tantissimo.

Puoi vendere anche in altri Paesi europei, ma soprattutto in Cina, dove molti prodotti italiani -anche sciocchezze, come una saponetta prodotta in Italia- sono super ricercati.

Vendere all’estero è semplice quasi come vendere in Italia. Non farti intimorire da chi ti dice che non lo è.

Ti elenco un paio di miei post passati che ti apriranno gli occhi su come vendere on-line all’estero (soprattutto in Cina) e che sono tra i miei primi consigli per vendere online.

Post correlati che potresti leggere:

Come vendere all’estero online? Ecco 3 modi per iniziare subito

Come vendere online in Cina con Tmall Global dall’Italia

Vendere in Cina via internet con Taobao con uno store o come privato

2. Scegli cosa vuoi vendere online

Più che scegliere cosa vendere, quello che dovrai vendere online sarà quello che le persone -e quindi i tuoi potenziali clienti- vorranno comprare.

Tu mi dirai “e come faccio?”. Fortunatamente ci sono tanti modi e molti di questi sono del tutto gratuiti.

Eccone alcuni:

– Se sei orientato a vendere su Amazon leggi questo post: Cosa vendere su Amazon? 3 modi per trovare i prodotti che vendono di più .

– I metodi descritti nel post sopra valgono il più delle volte anche per vendere su eBay o per un sito di e-commerce indirizzato a una specifica nicchia.

– Per vedere cosa gli utenti vogliono comprare su eBay, usa Algopix e ListingsHistory. Ambedue ti restituiscono i prodotti più ricercati dagli utenti eBay, chi li vende -sempre che qualcuno li stia già vendendo, altrimenti hai fatto bingo- e il loro prezzo di vendita.

Prima di cominciare a vendere fai sempre tante ricerche, mi raccomando!

3. Scegli come vuoi vendere su internet

Hai principalmente due strade: ecommerce o marketplace.

Sviluppare un sito di ecommerce oggi come oggi non costa molto.

Un buon ecommerce sviluppato su Magento, Prestahop o Woocommerce ha un costo che si aggira intorno ai 2.000 euro o poco più, senza badare troppo alle personalizzazioni. Volendo puoi anche dimezzare i costi se comincerai a studiare e a svilupparlo in autonomia.

In questo post, dedicato a come trovare i primi 1000 utenti per una startup, spiegavo anche come imparare a sviluppare un sito o app in totale autonomia. Leggilo. Scoprirai che non è così difficile, anche se l’ultimo web developer con il quale hai parlato ti ha fatto credere che è impossibile.

Potresti leggere: Hosting prestashop migliori per prestazioni, prezzo e assistenza

L’investimento monetario maggiore, se pensi di voler mettere su un ecommerce, sarà però assorbito da marketing (in particolare SEO e SEM), attività digitali correlate, gestione logistica e costi di affitto magazzino. Senza queste attività infatti, nessuno conoscere mai il tuo ecommerce.

Web Hosting

Avviato il tuo ecommerce, devi fare solo una cosa: vendere, vendere, vendere.

Ecco un mio post al riguardo: Aumentare le vendite online: quello che non sai e una lista delle cose da fare

L’alternativa all’ecommerce si chiama Amazon o eBay che sono due ottime alternative all’ecommerce proprietario.

Sia Amazon che eBay possono essere utilizzati sia come canale di vendita, ma anche come strumento di marketing per “attirare” utenti al proprio ecommerce.

Se hai già pensato di vendere online su Amazon o eBay, ma ancora non hai risolto i tuoi dubbi nel mio post: Amazon o eBay dove è meglio vendere online e perchè troverai delle utili considerazioni pratiche che ti aiuteranno nella scelta.

4. Non pensare fin da subito troppo in grande

Lo sbaglio quando si incomincia a vendere, questo vale per l’online e non, è quello di voler strafare.

Che bisogno c’è di mettere a “scaffale” (leggi in vendita) 1.000 prodotti quando i tuoi clienti acquisteranno sempre quei tre o quattro? Nessuno.

Quindi, concentrati sul vendere solo i prodotti che i tuoi clienti desiderano acquistare. Se non ti sono sai quali sono, ritorna a leggere il punto 2) di questo post.

Questa regola, che ha anche un nome, -si chiama la legge dell’80/20 o principio di Pareto- vale sempre, ma molti ancora la sottovalutano. Fidati di me, se vuoi vendere bene online, tu non sottovalutarla.

Il Principio di Pareto dice una cosa molto banale applicata all’ecommerce: solo il 20% dei prodotti in catalogo genera l’80% dell’intero fatturato. In soldoni, su 100.000 euro guadagnati, ben 80.000 sono generati da quei 3 o 4 prodotti che vendono meglio. Quindi, concentrati su questi 3 o 4!

Capisci meglio come “funziona” il Principio di Pareto e come applicarlo al tuo business online leggendo questo post: La legge di Pareto ti farà raggiungere i tuoi obiettivi e ti aiuterà col tuo business

5. Fatti aiutare

Tra i miei consigli per vendere online, l’ultimo è: fatti aiutare.

Nessuno nasce Maestro o “nessuno nasce imparato” come direbbe mia madre.

Io ho cominciato a vendere su eBay a 20 anni, nel 2004. Allora era molto più semplice, meno gente lo faceva e soprattutto non c’erano Maestri. Quindi io ho imparato sbagliando, tentando e avendo fortuna.

Ebay a quel tempo era da poco arrivato in Italia e nessuno poteva vantare questa grande esperienza di vendita sul marketplace. I famosi esperti di eBay allora non c’erano. Nemmeno quelli tutta fuffa di oggi.

Quello che io ti ho descritto in 5 punti, a me risulterà facile farlo, mentre per chi è alle prime esperienze nelle vendite online, no.

Sbagliare oggi costa molto più che in passato e può essere fortunatamente evitato. Per cui il mio consiglio è fatti aiutare. Oggi esperti in questo campo e che potranno aiutarti a vendere online se ne trovano tanti. Rivolgiti a loro e fatti seguire.

Su questo tema potresti anche leggere: Come si fa a vendere su Amazon e farlo bene

Conclusioni

In questo post ti ho dato 5 consigli per vendere online che se applicati al tuo business ti restituiranno ottimi risultati.

Ricapitolando:

Scegli in quale Paese vuoi vendere su internet, che non per forza di cosa -anzi tutt’altro- deve essere solo l’Italia.

Fatto questo scegli cosa vuoi vendere online usando gli strumenti che ti ho elencato.

Quindi, scegli come vuoi vendere su internet, principalmente sviluppando in tuo ecommerce o partendo con eBay o Amazon.

Non pensare fin da subito troppo in grande! Questo è uno degli errori più frequenti commesso da chi avvia un business per la prima volta.

Infine, l’ultimo dei miei consigli per vendere online è fatti aiutare da chi ne sa più di te per far aumentare velocemente le tue vendite online.

Per rispondere a molte delle esigenze di neo-imprenditori e aziende gia avviate, ti consiglio di dare un’occhiata ai servizi offerti da Mekitisi.

Se hai qualche dubbio scrivimi nei commenti o contattami per essere aiutato.

Scritto da Stefano, Startup founder | Digital Entrepreneur | Mentor, seguimi su:

Non la solita Newsletter!

Non la solita Newsletter!

1 email al mese sui contenuti più letti + le mie guide che non pubblico sul blog + una sorpresa. Non condividerò mai il tuo indirizzo.

Ci sentiamo presto!

Share This