1. Home
  2. Crypto
  3. Creare e vendere NFT in 6 passi

Una guida in 6 passi semplice e completa su come creare e vendere un NFT per guadagnare soldi.

Creare e vendere un NFT è una nuova e potenziale fonte di guadagni per artisti, creativi, e aziende che vogliono esplorare nuove opportunità di business.

Gli NFTs -acronimo che sta per Non-fungible token– sono esplosi in popolarità nel 2021 e il loro volume di affari è in costante aumento.

La mania NFT sta portando sempre più persone che vogliono guadagnare con internet e aziende a creare o investire in NFT con l’obiettivo di fare soldi o sfruttare questo nuovo trend di mercato per aprirsi nuovi sbocchi commerciali.

In questo articolo il mio obiettivo è quello di fornirti una guida semplice, ma completa, su come creare e vendere un NFT sui principali marketplace.

NFT non significa solo “Arte” e non significa solo “digitale”

Quando si parla di NFT, la maggioranza delle persone -specie i non addetti ai lavori-, pensano erroneamente che un NFT corrisponda unicamente a un’immagine (cosiddetto Art NFT).

Chiariamo subito questo punto: gli NFT non rappresentano solo “immagini” e quindi file in formato JPEG, GIF o PNG.

Infatti, sempre più comuni e in crescita, sono gli NFT MP3 o legati ad altri file digitali come: un tweet, un documento PDF, una pagina web, un video-gioco, un filmato, un MEME, etc,

Tuttavia, un NFT può anche riprodurre oggetti fisici come: un quadro, un disegno, un libro, una scultura, etc.

Un NFT, pertanto, rappresenta un oggetto digitale unico e con un unico proprietario (ndr. chi possiede l’NFT). 

Questa unicità (o rarità) conferisce di fatto un valore all’ NFT.

Fatta questa debita precisazione, veniamo alla nostra guida.

1. Scegli l’oggetto per il tuo NFT

Sembrerà ovvio, ma partiamo dalle basi. 

Prima di tutto, se non l’avessi già fatto, scegli il file digitale che vuoi trasformare in NFT.

Potrà essere, come ti dicevo appena sopra, un file JPG o PNG (quelli più utilizzati al momento), ma anche MP3 o qualsiasi altro file digitale che ha come collaterale un oggetto fisico.

Non copiare! Il file che vorrai trasformare in NFT dovrà essere un file sul quale detieni i diritti di proprietà intellettuale. 

Esempio: non farti passare per la testa di scaricare qualche immagine da un social e trasformarla in NFT. Creare e vendere un NFT a partire da una risorsa digitale della quale non possiedi la proprietà o i diritti ad essere usata, potrebbe metterti in seri guai legali.

2. Scegli la tua Blockchain

Una volta scelto il tuo digital asset (ndr. Il file digitale) puoi passare al minting dell’NFT.

“Minting” un NFT significa, in termini molto semplicistici, pubblicare in modo univoco e irreversibile il tuo token -ovvero il file digitale- sulla blockchain per renderlo poi acquistabile da terze parti (gli acquirenti/clienti).

Il minting dell’NFT può avvenire su diverse blockchain.

Le più usate blockchain per il minting di un NFT sono: Ethereum, Tezos, Polkadot, Cosmos, Solana e Binance Smart Chain.

Considera di usare anche Polygon per via delle basse fee e per una community in rapida crescita.

3. Se ancora non ne hai uno, apri il tuo Crypto Wallet

Se ancora non ne avessi uno, apri il tuo crypto wallet.

Il tuo crypto-wallet ti servirà per depositare o comprare i fondi necessari (ndr. token/coins) per il minting (ndr. coniare) il tuo NFT.

I principali wallet che mi sento di consigliarti sono: Metamask (scegli questo se non ne hai mai avuto uno), Exodus o Coinbase Wallet

La maggioranza dei marketplace NFT accettano Ether (Ether è la criptovaluta legata alla blockchain Ethereum), per cui faresti bene a possederne.

Una volta configurato il tuo crypto-wallet sei pronto/a per scegliere la piattaforma che vorrai usare per creare i tuoi NFT.

4. Scegli il tuo NFT marketplace

Settato il tuo crypto wallet e depositato i tokens necessari, potrai finalmente iniziare a creare i tuoi NFT.

Prima di poterlo fare devi però scegliere un NFT marketplace.

Un NFT marketplace andrebbe scelto a seconda della blockchain che si vorrà utilizzare per il minting, ma anche (e soprattutto!) per il target di destinazione dell’NFT.

A mio parere, gli NFT marketplace che mi sento di consigliarti per iniziare a creare e vendere NFT sono:

  • OpenSea
  • Axie Marketplace 
  • Rarible 
  • SuperRare
  • Foundation
  • LooksRare

Se non hai mai creato un NFT in vita tua, il mio consiglio è di usare OpenSea.

OpenSea ha un’interfaccia user-friendly, è la piattaforma NFT più usata e infine (cosa da non sottovalutare!), è abbastanza facile da usare anche per i non esperti.

In più OpenSea, al contrario di altri NFT marketplace, è una piattaforma generalista con diverse categorie a seconda della tipologia e del pubblico di destinazione del tuo NFT.

L’unico contro di usare OpenSea? Le fee leggermente più alte della concorrenza.

Una volta selezionato il tuo NFT marketplace, dovrai quindi connettere il tuo digital wallet che ti consentirà di pagare le fee per il minting del tuo NFT.

Il tuo digital wallet sarà anche lo strumento attraverso il quale potrai incassare i guadagni derivanti dalla vendita del tuo NFT, come pure di eventuali royalties su rivendite future dell’NFT.

5. Fai l’upload del file

Ora che hai collegato il tuo digital wallet all’NFT marketpalce, sei finalmente pronto/a per creare il tuo NFT,

Generalmente tutte le piattaforme NFT hanno una guida step-by-setp che ti aiuta nell’upload del file.

L’upload del file digitale (GIF, JPG, MP3, PNG, etc) è il processo -ti risparmio i dettagli tecnici- che trasformerà il tuo file digitale originario in un NFT.

6. Guadagna con il tuo NFT

Il passo finale del tuo NFT minting sarà decidere come vorrai monetizzare il tuo NFT.

Ogni piattaforma NFT ti offre soluzioni di guadagno diverse, ma in generale potrai guadagnare con il tuo NFT optando tra:

  • Vendita a prezzo fisso: ovvero sceglierai un prezzo fisso al quale vendere il tuo NFT. Il primo acquirente che pagherà quel prezzo diventerà il possessore dell’NFT. Un pò come se vendessi un oggetto su Amazon.
  • Asta a tempo: fisserai un’asta “a tempo” e l’NFT sarà acquistato dall’utente che in un determinato arco temporale farà l’offerta più alta sull’NFT. Pensa alle aste eBay.
  • Asta a tempo indeterminato: come il caso sopra, ma senza limite di tempo. Potrai chiudere l’asta in qualsiasi momento e l’NFT sarà acquistato dall’utente che al tempo di chiusura dell’asta ha fatto l’offerta più alta.

Consigli per fissare il prezzo di vendita minimo per un NFT

Ora che sai come creare e vendere un NFT, ti manca un ultimo pezzo affinché questa attività sia davvero remunerativa: stabilire un prezzo di vendita minimo per il tuo NFT.

Minting, o se preferisci creare un NFT, è infatti un processo dispendioso.

Il costo di creare un NFT dipende dalle commissioni (ndr. fees) di ciascun NFT marketplace.

In generale, i principali costi che ti saranno addebitati sono:

  • Listing fee, ovvero una commissione per pubblicare il tuo NFT sulla piattaforma.
  • NFT minting fee, ovvero il GAS dovuto ai validatori della blockchain.
  • Una commissione sulla vendita dell’NFT per il marketplace.
  • Una commissione per trasferire il denaro sul tuo digital wallet.

Tutte le fee/costi della lista sopra sono molto variabili e dipendono in buona parte dal valore e dalla volatilità della criptovaluta di riferimento per il tuo NFT.

Se ad esempio il tuo NFT minting è su blockchain Ethereum, tutte le fee associate dovranno essere calcolate in Ether (ndr. $ETH).

Per settare il prezzo minimo di vendita del tuo NFT (anche se si tratta di un’asta) prendi in considerazione tutti i fattori di cui sopra.

Tieni ben a mente che spesso, utenti alle prime armi, fissano prezzi troppo bassi per i loro NFT.

Risultato? Dopo la vendita dell’NFT si ritrovano con l’aver perso dei soldi.

Una buona strategia è quella di seguire da vicino il mercato crypto e comprare token/coin da usare poi per il minting NFT quando il loro valore e più basso rispetto all’ATH storico (ndr. ​​all-time high ovvero il valore più alto mai registrato in un dato periodo).

Esempio: fare scorta di coins/tokens durante un bear market. 

Conclusioni

In questo articolo ti ho spiegato come creare e vendere NFT partendo da zero in modo semplice e senza troppi fronzoli o tecnicismi. 

I prezzi di vendita degli NFT e il loro mercato sono in continuo aumento e di conseguenza chi crea e vende NFT può guadagnare anche cifre considerevoli.

Tuttavia, non tutti gli NFT creati saranno venduti, per cui -come suggerisco sempre- una buona strategia di vendita per gli NFT sarebbe sempre necessaria prima di procedere col minting.

Ricorda, per evitare di perdere soldi sulla vendita NFT, di fissare un prezzo minimo che tenga conto di tutte le commissioni associate e della volatilità della crypto di riferimento per il tuo NFT.

Inoltre, scegli sempre il marketplace più in linea con il target di pubblico potenziale per il tuo NFT.

Se desiderassi creare NFT per guadagnare soldi o sfruttare una nuova opportunità di business, sentiti pure libero/a di contattarmi.

Scritto da Stefano, Startup founder | Digital Entrepreneur | Mentor, seguimi su:

Tieniamoci in Contatto!

9 + 3 =

Non la solita Newsletter!

Non la solita Newsletter!

1 email al mese sui contenuti più letti + le mie guide che non pubblico sul blog + una sorpresa. Non condividerò mai il tuo indirizzo.

Ci sentiamo presto!